inizio

vai al menu principale

vai ai contenuti

vai a fondo pagina
logo del Ministero per i Beni e le attività Culturali

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Direzione Generale Cinema

Ti trovi in:  

Voci Correlate

Tax Credit Produzione

Le disposizioni sul tax credit - credito d’imposta prevedono la possibilità di compensare debiti fiscali (Ires, Irap, Irpef, Iva, contributi previdenziali e assicurativi) con il credito maturato a seguito di un investimento nel settore cinematografico. Destinatari sono le imprese di produzione e distribuzione cinematografica, gli esercenti cinematografici, le imprese di produzione esecutiva e post-produzione (industrie tecniche), nonché le imprese non appartenenti al settore cineaudiovisivo associate in partecipazione agli utili di un film dal produttore di quest’ultimo.

1. Tax credit produzione (art. 1, comma 327, l. 244/2007 e decreto 7.5.2009 “tax credit produttori”)

Il credito di imposta può essere chiesto dalle imprese di produzione cinematografica ed è pari al 15% del costo complessivo di produzione è fino all’ammontare massimo di euro 3.500.000 per periodo d’imposta.Nel caso di produzioni associate il credito di imposta spetta a ciascun produttore associato, in relazione alle spese di produzione direttamente sostenute e in proporzione alla quota di effettiva partecipazione.Nel caso di produzioni con contratti di appalto il credito di imposta spetta sia al produttore esecutivo sia al produttore appaltante, in relazione alle spese di produzione da ciascuno sostenute.Sono beneficiari del credito d’imposta:
  • Film di nazionalità italiana (art.5 della “legge cinema” (decreto legislativo n. 28 del 2004) e decreto 7.5.2009 “tax credit produttori”);
  • Film riconosciuti di interesse culturale dalla Commissione per la cinematografia (art. 7 della legge cinema e decreto 7.5.2009). Nell’ambito di questi ultimi, la Commissione per la cinematografia può attribuire l’ulteriore qualifica di “film difficile”, ai fini di un maggior livello della soglia di aiuti pubblici e quindi anche dell’entità del beneficio fiscale.

Riconoscimento requisiti per i produttori
Per accedere alle agevolazioni fiscali, le imprese di produzione devono chiedere alla direzione generale per il Cinema il riconoscimento dell’eleggibilità culturale dei film prodotti. I film in oggetto sono sottoposti a un test di eleggibilità che ne assicura la matrice culturale italiana o europea (tabella A del decreto 7.5.2009). Viene effettuata una specifica istruttoria tecnica, ricorrendo se necessario al parere della Commissione per la cinematografia. Se entro il mese successivo alla richiesta di riconoscimento non interviene un provvedimento di diniego, il film ottiene automaticamente l’eleggibilità culturale.Il credito d’imposta attribuito viene revocato e decade per:
  • Mancato riconoscimento in via definitiva del requisito della nazionalità
  • Subentro di altra impresa di produzione
  • Violazione del vincolo di territorializzazione

Vincolo di territorializzazione in Italia (art.2, comma 7, del decreto “tax credit produttori”) = deve obbligatoriamente essere speso sul territorio nazionale un importo pari ad almeno l’80% dell’entità del beneficio fiscale.

2. Tax credit produzione esecutiva film stranieri (art. 1, comma 335, l. 244/2007 e decreto 7.5.2009 “tax credit produttori”)

Il credito di imposta spetta nel caso di realizzazione sul territorio italiano di film o parti di film “stranieri” (ovvero non riconosciuti di nazionalità italiana), su commissione di produzioni estere, con valorizzazione del territorio stesso ed evitando ambientazioni artificiali. Destinatarie sono imprese di produzione esecutiva e industrie tecniche.In questo caso, il credito d’imposta:
  • è pari al 25% del costo di produzione della singola opera.
  • è per spese di produzione, effettuate sul territorio italiano, che non eccedano il 60% del budget complessivo.
  • è limite massimo, per ciascun film, di 5 milioni di euro
  • è non è cumulabile con il credito di imposta “produzione film nazionali”
I film in oggetto sono sottoposti a un test di eleggibilità che ne assicura la matrice culturale italiana o europea (tabella C del decreto 7.5.2009).

3. Tax credit investitori esterni (art. 1, comma 325, l. 244/2007 e decreto 21.1.2010 “tax credit investitori esterni e distributori”)

Il credito di imposta spetta all’investitore “esterno” (ovvero diverso dal produttore cinematografico), che fornisce un apporto di capitale alla realizzazione di un film.

Documenti


Richieste e Procedure
Per accedere alle agevolazioni fiscali i soggetti interessati devono inviare o consegnare la richiesta alla direzione generale per il Cinema, compilando l’apposita modulistica, disponibile nello Sportello On Line.
L’ufficio responsabile del procedimento è il Servizio II Produzione cinematografica, tel. 0667233248.

REFERENTI
Tax credit produzione nazionale con o senza investitore esterno /film stranieri /distribuzione
Alberto TULLI - e-mail : alberto.tulli@beniculturali.it
Stefano BISIGNANO – e-mail : stefano.bisignano@beniculturali.it
Carla FELLI - e-mail : carla.felli@beniculturali.it
Eleggibilità culturale
Simona RICCI - e-mail : simona.ricci@beniculturali.it
Giorgio SQUITIERI - e-mail giorgio.squitieri@beniculturali.it
Supporto logistico
Antonino CAPPELLO - e-mail antonino.cappello@beniculturali.it
Oreste BOZZANGA - e-mail oreste.bozzanga@beniculturali.it

Moduli per Tax Credit Produzione


footer torna all'inizio